mercoledì, 21 Febbraio 2024

La Giunta regionale ha approvato la delibera a favore della Biblioteca provinciale “T. Stigliani” di Matera per la realizzazione di interventi infrastrutturali materiali e immateriali con uno stanziamento di € 870.000,00. In particolare, è stata approvata la scheda progettuale trasmessa dalla Provincia di Matera finalizzata allo sviluppo dell’offerta di servizi per il sistema produttivo dell’industria culturale e creativa da realizzare nella Biblioteca di Matera. Le risorse messe a disposizione provengono dal Protocollo d’intesa “Decreto MEF, MISE, Regione Basilicata. Produzione 2021. Interventi infrastrutturali materiali e/o immateriali di ampliamento, riqualificazione dell’offerta dei servizi, di recupero ed efficientamento energetico delle aree produttive. Amministrazioni locali”. Si vuole in tal modo tutelare e valorizzare il patrimonio librario, rafforzare i processi di ricerca e di innovazione volti a creare nuovi contenuti culturali e a sviluppare servizi digitali. Tra gli interventi, prevista la formazione e l’aggiornamento del personale, attività di comunicazione e promozione, realizzazione di eventi culturali. Tutte le attività previste negli interventi materiali e immateriali saranno svolte per tutto l’anno 2024.

Il Palazzo dell’Annunziata, sede della biblioteca provinciale “T. Stigliani”, dovrà diventare luogo di attività e supporto per ogni tipo di fruitore del patrimonio ivi conservato, nonché luogo per incontri, attività e quanto altro, rivolto anche allo sviluppo delle aree produttive in cui le imprese e le attività presenti, oltre a trovare opportunità di insediamento vantaggiose, possano essere coinvolte in un contesto in grado di far migliorare le proprie   performance. “Una sorta di industria culturale, ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Economico e Lavoro Michele Casino, le cui attività programmate ed i servizi in capo all’ente, favoriranno lo sviluppo, il rafforzamento ed il miglioramento dei servizi, nonché l’implementazione di servizi nuovi e/o aggiuntivi a beneficio delle comunità locali”.

La Biblioteca, che conta circa 400.000 volumi, numerose testate di periodici, 30.000 libri rari al sec. XVII al XIX, 950 cinquecentine, 95 incunaboli, 100 manoscritti e 40 pergamene, dovrà in tal modo diventare polo attrattivo per la crescita e lo sviluppo della filiera produttiva delle imprese turistiche, creative e culturali.

La misura rientra nello schema di convenzione approvato nei giorni scorsi tra la Regione Basilicata e la Biblioteca Nazionale di Potenza, alla quale è stato affidato il coordinamento tecnico-scientifico del Polo regionale SBN di Basilicata. La convezione ha inoltre previsto il trasferimento del coordinamento amministrativo-informatico delle attività legate al software per la gestione del polo regionale SBN di Basilicata all’ufficio del Responsabile per la Transizione Digitale della Regione Basilicata.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap