sabato, 13 Luglio 2024

Ha camminato sopra l’acqua o immerso nel verde delle montagne, per il cinema e la televisione, in piano e in pendenza, in silenzio o accompagnato da suoni che hanno vibrato insieme alla corda.
Ha percorso chilometri su cavo teso nei cieli di numerose località e città italiane, tra cui Torino, Bologna, Roma, Venezia, Firenze, Genova, Brescia, Trieste, e all’estero camminando nei cieli della Svizzera, della Serbia e in Israele.
Tra i prossimi obiettivi dell'”equilibrista dell’aria” del 42enne torinese Andrea Loreni (foto La Stampa) c’è il record del mondo su una pendenza del cavo inclinato a Matera nel 2019. Loreni lo ha affermato in un’intervista sul quotidiano La Stampa.
Funambolo e recordman è l’unico in Italia specializzato in traversate a grandi altezze. Sei anni fa stabilisce il record italiano di camminata su cavo, teso tra i colli di Penna e Billi, nel cielo di Pennabilli: 250 metri di lunghezza, ad un’altezza di 90 m da terra.
A seguito di questa spettacolare impresa, Vasco Rossi lo chiama ad esibirsi lo stesso anno nel suo tour LIVEKOM011.
È laureato in Filosofia Teoretica all’Università degli Studi di Torino nel 1999 con una tesi dal titolo ‘Il solipsismo di Adolfo Levi’. Nel 1997 si avvicina alle arti di strada e approfondisce le tecniche di circo contemporaneo alla Scuola Flic e al Circus Space di Londra (2002-2003).
Nel 2005 riceve il premio “Torototela” della Regione Piemonte per l’Innovazione e la Valorizzazione del teatro di strada.
Dal 2006 si dedica alla ricerca della verità artistica camminando sui cavi a grandi altezze.
L’intuizione dell’assoluto avuta sul cavo lo spinge alla meditazione Zen, pratica che approfondisce sotto la guida di Shodo Harada Roshi al monastero di Sogen-ji a Okayama, in Giappone, di cui traduce in italiano il libro ‘Come fare zazen’.
Del 2011 è sua traversata più inclinata, 26° di inclinazione da 0 a 30 metri a Lodi dove, due anni dopo, compie la traversata su acqua più lunga, 220 metri sul fiume Adda.
Nel 2013 affronta la traversata più alta, tra i picchi montani di Rocca Sbarua (To) con un’altezza massima di 160 metri.
Ospite di diverse trasmissioni televisive, tra cui Vertigo gli abissi dell’anima, Super Quark Speciale Equilibrio e ITTEQ! per Nippon Tv, è protagonista del video musicale di Niccolò Fabi per la canzone ‘Solo un uomo’ e funambolo su cavo infuocato nella scena finale del film di Matteo Garrone, ‘Il Racconto dei Racconti’.
E’ relatore in seminari, conferenze ed incontri su tutto il territorio italiano.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap