domenica, 25 Febbraio 2024

Riceviamo e pubblichiamo dal   Gruppo Consiliare Scanzano Libera:

Soltanto qualche giorno fa, la consigliera Maria Giovanna Merlo, capogruppo del Gruppo Consiliare di minoranza Scanzano Libera, preannunciava con un comunicato stampa l’imminente catastrofe che si sarebbe nuovamente abbattuta sul Comune di Scanzano Jonico in merito al servizio  di raccolta dei rifiuti solidi urbani. 

“Come evidenziato purtroppo, dobbiamo prendere atto che gli operai del servizio raccolta hanno deciso di incrociare le braccia per  rivendicare il mancato pagamento dei loro stipendi da parte della ditta  incaricata decidendo di fermare il servizio di raccolta”.

Gli operai, infatti, sono oramai stanchi di essere presi in giro con promesse non mantenute in merito al pagamento dei loro stipendi  che  non percepiscono  da diversi mesi.

Dopo la farsa dell’incontro pubblico con il quale il Sindaco invitava i cittadini scanzanesi alla presentazione del nuovo servizio di raccolta e delle fantomatiche novità riguardante tale servizio, ben consapevole del fatto che la ditta So.ge.sa. non aveva alcun rapporto negoziale con L’Ente in quanto non ha  mai firmato alcun contratto, dobbiamo  constatare che abbiamo di nuovo il paese sommerso di rifiuti e nuovamente come già accaduto in passato, in occasione del mercato mensile, nella zona 167, le strade piene di immondizia. Da parte del Sindaco, invece, assistiamo ad un copione già visto, che pur di discolparsi del  suo fallimento  politico  sulla  gestione della vicenda millanta  le solite  scuse con le quali,  oramai, non convince più nessuno, ma che certificano  la sua incapacità politica e gestionale.

La vicenda è destinata a complicarsi ulteriormente in quanto sembrerebbe che la ditta attualmente incaricata nella gestione  dei rifiuti solidi ed urbani  non sia più in grado di operare e che il Sindaco abbia già preannunciato di affidare ad altra ditta il servizio con ulteriore allungamento dei tempi per ripulire il paese rimangiandosi così come è sua consuetudine tutto quello che aveva promesso durante l’incontro pubblico con i cittadini. Adesso capiamo  perché  il Sindaco si sia così risentito del legittimo interessamento della Consigliera Merlo sulla questione rifiuti ritenendo la questione soltanto di competenza di pochi membri della sua maggioranza, forse  temeva di dividere tale figuraccia anche con  l’opposizione!

A questo punto non ci meraviglieremmo affatto se anche per definire l’affidamento del nuovo servizio di igiene urbana il Prefetto possa decidere, come già fatto per il pagamento delle utenze elettriche comunali, di nominare un nuovo  Commissario ad acta.

Ci auspichiamo, che il Sindaco Ripoli per il futuro concentrasse la sua attenzione e le sue forze nella risoluzione dei tanti problemi che affliggono il nostro bel paese”.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap