giovedì, 25 Luglio 2024

La Consigliera di Minoranza Maria Giovanna Merlo, capogruppo del gruppo consiliare Scanzano Libera

“La spazzatura potrebbe ritornare ad accumularsi nelle strade a partire già da domani”: è quanto dichiara la Consigliera di Minoranza Maria Giovanna Merlo, capogruppo del gruppo consiliare Scanzano Libera.

“Mentre il Sindaco pensa di deviare  l’attenzione dei  cittadini con comunicati inerenti al Capodanno Rai – prosegue – nel Metapontino  affannandosi nel pubblicare le note con il quale propone la candidatura del comune di Scanzano Jonico a tale evento, i dipendenti della ditta  incaricata al servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani  minacciano di incrociare le braccia e fermare il servizio raccolta in quanto non percepiscono  gli stipendi ormai da luglio scorso.

Sono trascorsi già diversi giorni dal 9 ottobre, quando il Sindaco,  con tanto di volantino, invitava i cittadini all’evento pubblico che si è poi tenuto nella sala consiliare del comune di Scanzano Jonico, per la presentazione del “nuovo servizio di raccolta differenziata porta a porta,  durante il quale, annunciava, che si sarebbero illustrate le novità del nuovo servizio di igiene urbana.

Peccato che quell’incontro serviva semplicemente per buttare fumo negli occhi ai cittadini scanzanesi promettendo un servizio di raccolta  che rimane a tutt’oggi un miraggio  per il nostro Comune.Sembra alquanto strano, poi, che lo stesso Sindaco abbia permesso alla ditta So.ge.sa. srl  di esporre il progetto  visto che la stessa è solo aggiudicatrice dell’appalto ma non ha alcun rapporto negoziale con il comune in merito al nuovo progetto di raccolta, per il solo fatto che non ha ancora firmato alcun contratto.

Sembrerebbe, tra l’altro che la società aggiudicatrice del bando non abbia neppure presentato all’ufficio preposto la cauzione definitiva a garanzia degli adempimenti contrattuali.

Che senso ha avuto, quindi, la presentazione el nuovo progetto da parte della nuova ditta che si è aggiudicat s il bando?

Perché il sindaco continua a buttare fumo negli occhi dei cittadini nascondendo le reali motivazioni che non consentono l’avvio del nuovo servizio?

A farne le spese di tutto ciò sono i cittadini di Scanzano Jonico che pagano la Tari e i dipendenti della ditta So.ge.sa e le loro famiglie che ancora  una volta si vedono negati il pagamento del loro stipendio.La vicenda sembrerebbe che è ben lontana dal trovare una soluzione definitiva  in tempi brevi se non altro perché sono ormai tre anni che questa amministrazione continua a promettere l’inizio di una raccolta differenziata imminente ma di cui ancora non si vede l’inizio del servizio effettivo.A breve  ci potremmo ritrovare al punto di partenza, con un servizio di differenziata porta a porta che rimane solo un miraggio, un Sindaco che continua a prendere in giro i cittadini inventandosi incontri pubblici  per la presentazione di un progetto che per ora è solo un miraggio ed i dipendenti della ditta So.ge.sa che continuano la loro battaglia per elemosinare gli stipendi arretrati.Auspichiamo per il nostro paese la risoluzione di questo annoso problema affinchè  a Capodanno tutti, ma proprio tutti, i cittadini,  gli  operai addetti alla raccolta, le loro famiglie e noi Popolo di questa città avremo di che festeggiare brindando al nuovo anno  con la città finalmente pulita”.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap