sabato, 20 Luglio 2024

“La contraddizione è solo apparente. Esistono situazioni che prevedono uno svolgimento necessario, una trama già scritta, un copione scontato. Deve solo accadere quel minimo fatto, quel piccolo evento, la scintilla che scatena il seguito. E questo in una storia di coppia succede, certo che succede, soprattutto quando quella storia è vera, lunga nel tempo e priva di reali atrocità emotive. La vita di coppia è piena di preamboli che tengono in pancia tutto il resto della storia, nubi dense di tempesta che hanno già inondato d’acqua i prati quando i prati sono ancora a secco. E dunque quella quiete, lo stato di sospensione che lasciava Piero ed Elisabetta a galleggiare fra il non più e il non ancora, conteneva già l’abbozzo delle parole e delle cose da dire che l’avrebbero violata in modo feroce e forse irreversibile.”

Affilata, tagliente, corrosiva: è questa la voce di Angelo Mellone nell’intenso Nelle migliori famiglie (Mondadori), un romanzo che entra con prepotenza nella quotidianità stravolta di una famiglia della Roma bene che dopo aver affrontato il lutto per l’improvvisa morte di un figlio si ritrova al capezzale di un altro figlio, la vigilia di Natale.

Prima della morte di Flavio, Piero ed Elisabetta erano davvero invidiabili: lui, un noto chirurgo estetico, lei una giornalista di punta, conduttrice “di destra” di un famoso talk show. Una bella coppia romana, una vita agiata, figli già introdotti nel giro migliore che li porterà a replicare i successi dei genitori.

Dopo l’incidente, tra i coniugi Cometti iniziano i rancori, le ripicche, la freddezza di un rapporto che si deteriora giorno dopo giorno. E, a due anni dalla scomparsa di Flavio, i figli insistono affinché possano passare un Natale tutti insieme, nella villa di Cortina. Una tregua solo apparente che si spezza nella sala d’attesa di un ospedale proprio in una sera per Elisabetta cruciale, con una cena programmata da tempo in cui è in gioco la sua futura nomina da ministro.

Tra dolore e speranza, il faccia a faccia forzato porta Piero ed Elisabetta a un confronto/scontro senza esclusione di colpi che però diventa anche l’occasione per tentare di parlarsi con il cuore in mano, ripercorrendo gli anni in cui si era ancora davvero “famiglia”.
Passato e presente si rincorrono senza sosta, una full immersion alla ricerca di un senso in quei legami ormai sfilacciati ma forse non del tutto persi.

Lo stile è molto ricercato, la trama porta inevitabilmente a interrogarsi, a misurarsi con i repentini cambi di rotta che la vita ci impone.

Angelo Mellone (Taranto, 1973) è giornalista, scrittore e Vicedirettore di Rai1. Editorialista e inviato di politica, cultura e costume per numerosi quotidiani nazionali, è autore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi. Ha conseguito il dottorato in Sociologia della comunicazione all’università di Firenze e insegna alla Luiss “Guido Carli” di Roma. Autore di diversi libri di saggistica, reportage e lavori teatrali, Nelle migliori famiglie è il suo sesto romanzo, dopo Cara Tu. Lettera a una ex moglie (ADD, 2014), Nessuna croce manca (Baldini+Castoldi, 2015), Incantesimo d’amore (Pellegrini, 2016), La stella che vuoi (Pellegrini, 2017) e Fino alla fine. Romanzo di una catastrofe (Mondadori, 2019), da cui è stata tratta l’idea di una serie televisiva.

Rossella Montemurro

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap