Torna per La nave di Teseo e con una nuova traduzione “La voglia”, il discusso romanzo di Elfride Jelinek

In pubblico è molto rispettato, dirige la cartiera che dà lavoro a metà del paese. È anche il direttore di un coro, al quale tiene moltissimo, più per gonfiare ulteriormente il suo ego che per altro. In privato è un donnaiolo senza scrupoli che per timore dell’AIDS riversa sulla moglie Gerti le fantasie più perverse, concretizzandole. Gerti è annientata e sottomessa a Hermann, anche lei in bilico tra l’invidia, quasi, delle altre donne (è pur sempre la moglie del direttore) e l’inferno quotidiano che vive tra le mura domestiche. Nel limbo, il figlio della coppia, un preadolescente che “deve” primeggiare nello sci e nel violino e che suo malgrado ha a volte assistito ai rapporti tra i due.

La voglia (La nave di Teseo, traduzione di Nicoletta Giacon) del Premio Nobel per la Letteratura Elfride Jelink è un romanzo complesso e caustico che verte sulla figura piena di contrasti di Gerti: lei, infatti, stanca di subire, quando può si allontana da casa e si stordisce bevendo. La dicotomia tra l’essere madre e l’essere donna è per Gerti un qualcosa che non si può superare, una frattura che non potrà essere mai sanata e, per questo, fonte di una frustrazione strisciante. Ama moltissimo il suo bambino ma il ruolo, anche, di moglie, le è diventato insopportabile. Hermann non ha un briciolo di delicatezza, si spinge oltre giorno dopo giorno, pronto ad arricchire un inaudito repertorio di sconcezze. La vita della provincia, noiosa e ripetitiva in una valle nelle alpi austriache, non aiuta certo Gerti che ha fame d’amore e di riscatto. Michael, uno studente molto più giovane di lei, incontrato durante una delle sue fughe, sembra darle ciò di cui ha bisogno. Lei se ne innamora, è persa, ma il ragazzo è un seduttore seriale: non c’è nessuna reciprocità tra i rispettivi sentimenti, per lui Gerti è l’ennesima preda da conquistare e umiliare.

La trama non basta a trasmettere ciò di cui questo romanzo è davvero intriso, grazie anche allo stile particolarissimo della Jelineck. Non ci sono dialoghi ma un periodare convulso che alterna frasi secche e incisive ad altre non sempre immediate. Ogni termine è scelto con cura, la Jelineck osa anche nel linguaggio, intrecciando termini e situazioni volgari con descrizioni dettagliate, profonde.

La voglia è un romanzo molto discusso di Elfriede Jelinek, racconta, senza alcuna pietà né commiserazione e con una scrittura precisa e violenta, ironica e diretta, il dominio che l’uomo esercita impunito sui suoi simili, sulla natura ma soprattutto sulle donne.

Nata a Mürzzuschlag, in Austria, nel 1946, Elfriede Jelinek ha ricevuto nel 2004 il Premio Nobel per la Letteratura. Diplomata in organo al conservatorio di Vienna nel 1971, dopo aver interrotto gli studi in Scienze del teatro e dell’arte, ha debuttato giovanissima nel 1967 con una raccolta di poesie, a cui hanno fatto seguito negli anni numerosi drammi, prose e interventi saggistici. All’impegno civile si unisce da sempre una spiccata sperimentazione linguistica, che l’ha portata ad essere vicina ai gruppi dell’avanguardia letteraria austriaca. Tra le sue opere principali si ricordano i romanzi La pianista (1983), La voglia (1989), I figli dei morti (1995) e i drammi Cosa accadde dopo che Nora ebbe lasciato suo marito, ovvero le colonne della società (1977) e Sport. Una pièce (1997). Una selezione delle sue opere è in corso di pubblicazione per La nave di Teseo, presso cui sono usciti nel 2017 il monologo Jackie e i romanzi Gli esclusi (2019), Le amanti (2020), La voglia (2022, con la nuova traduzione di Nicoletta Giacon).

Rossella Montemurro

Pubblicità
Pubblicità

mercoledì Maggio 18, 2022

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap