Regolarmente assunti ma non lavoravano: truffa all’Inps, percepito indebitamente quasi un milione e mezzo di euro. 500 persone denunciate nel Materano

Centinaia di assunzioni per lavorare in un’azienda agricola di appena 20 ettari di estensione. Non solo, alle colture inesistenti si aggiungeva l’assenza di mezzi agricoli, attrezzi da lavoro, acquisti di piantine o sementi: tutto ciò ha insospettito gli investigatori dei Carabinieri e la Procura della Repubblica di Matera e si è concretizzato nella denuncia di 501 persone per truffa aggravata ai danni dell’Inps, nel Metapontino.

È uno degli aspetti delle indagini illustrati ai giornalisti in mattinata a Matera, dal Procuratore della Repubblica, Pietro Argentino. Il periodo preso in esame dalle indagini va dal 2013 al 2017: l’azienda al centro dell’inchiesta ha sede a Rotondella, ma ha terreni anche a Tursi (Matera). Il titolare dell’azienda, il 53enne Giuseppe Gaudio di Rotondella, ha assunto, nel tempo, centinaia di persone: i vantaggi erano sia per l’imprenditore (con 75 mila ore di lavoro denunciate) sia per i dipendenti, i danni sono per l’Inps. I Carabinieri, però, confrontando le assunzioni fatte dall’azienda con le spese – molto ridotte – per sementi e gasolio, sono riusciti a ricostruire il quadro della truffa. Ora – è stato spiegato durante la conferenza stampa, alla quale hanno partecipato anche il comandante provinciale dei Carabinieri di Matera, il colonnello Samuele Sighinolfi, il tenente colonnello Antonio Mancini, il Comandante del Nucleo Investigativo, Maggiore Erich Fasolino, il sostituto procuratore, Lorenzo Nicastro, e i dirigenti di Ispettorato del lavoro e Inps, Michele Lorusso e Vito Latela – sono stati avviati controlli di tipo fiscale. Delle circa 500 persone assunte nell’azienda, cento erano straniere e altre residenti anche in Puglia e in Calabria.

L’imprenditore sin dal 2013 aveva stipulato con altre 500 persone di cui oltre 100 stranieri, quasi 1000 rapporti di lavoro fittizi in agricoltura, dichiarando false retribuzioni per un importo di oltre 4 milioni di euro al fine di percepire indebitamente erogazioni economiche in danno dell’Inps per un importo complessivo accertato di 1 milione e 400 mila euro, tra cui indennità di disoccupazione agricola e indennità per malattia e maternità.

E’ peculiare il fatto che l’imprenditore agricolo tra il 2008 e il 2013 aveva posto in essere una condotta simile, finendo per essere denunciato e poi condannato in primo grado (con sentenza del gennaio 2017) e secondo grado (con sentenza dell’aprile 2019) alla pena di reclusione di 4 mesi per i reati di truffa aggravata continuata.

L’importante operazione contro le truffe in danno dell’Inps è il frutto dello sforzo sinergico dei Carabinieri del territorio lucano e di quelli specializzati nella tutela del lavoro con l’ausilio di ispettori Inps e Istituto Territoriale del Lavoro e il fondamentale apporto delle Stazioni dei Carabinieri, imprescindibili presidi di sicurezza e legalità per i cittadini.

L’attenzione dell’Arma sul fenomeno prosegue attraverso team congiunti con Inps e Ispettorato Territoriale del Lavoro che continueranno l’opera di prevenzione e contrasto del fenomeno, su tutto il territorio lucano.

Pubblicità
Pubblicità
mercoledì Gennaio 15, 2020

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Copy link
Powered by Social Snap