È #sempre25Novembre: con questo hashtag scende in campo anche l‘Accademia delle Arti Marziali e degli Sport da Combattimento di Potenza che ha l’obiettivo di diffondere la cultura e incrementare la pratica delle arti marziali e degli sport da combattimento nella convinzione che l’insegnamento delle nostre amate discipline, contribuisca alla diffusione dei valori della parità, del rispetto e dell’inclusione sociale.

“Per questa ragione – spiega la responsabile del progetto Serena Lamastra –  all’inizio dell’anno 2020 abbiamo messo a punto, con il patrocinio dell’ASP, il progetto pilota “Più Sicura”, rivolto alle donne, con l’intento di divulgare una corretta informazione sul fenomeno della violenza di genere e porre l’accento sull’importanza delle arti marziali e degli sport da combattimento nel processo di valorizzazione della donna.

Oltre all’insegnamento di specifiche tecniche di difesa personale proprie delle arti marziali, grazie alla collaborazione e al supporto di una psicologa, il progetto prevede percorsi di condivisione delle esperienze personali, di riconoscimento dell’aggressione, di approfondimento sul valutare, saper agire, uscire dalla violenza o dal maltrattamento e di superamento della situazione di disagio e recupero dell’autonomia.

L’emergenza sanitaria ha fermato solo la nostra attività fisica, ma non quella di promozione e sensibilizzazione a questo tema”.

Pubblicità
Pubblicità