Pasolini 1922-2022, il 30 negli Ipogei Motta di Matera incontro con il regista De Camillis

Si terrà giovedì 30 Giugno, alle ore 19:00 nel complesso degli Ipogei Motta di Matera,all’interno della mostra “Pasolini 1922-2022” organizzata dal Circolo Culturale La Scaletta e curata da Marina Sonzini e Edoardo Delle Donne,la proiezione del docufilm “Un intellettuale in borgata” di Enzo De Camillis (che del film è regista e produttore)dedicato aPier Paolo Pasolini, a cui seguirà una conversazione con il regista.

Premio Specialeal Festival Internazionale del Documentario Libero Bizzarri 2014primo premio come Miglior Documentario al Festival Omovis di Napoli, premiato al Festival RIFF di Roma, il docufilm racconta la vita e il pensiero di Pasolini con particolare riferimento agli anni del suo soggiorno nel quartiere romano di Monteverde (dal 1954 al 1963) e vede la partecipazione straordinaria di Leo Gullotta che, nella splendido salone della Biblioteca Vallicelliana legge l’articolo pubblicato nel Novembre 1974 sul Corriere della Sera: “IO SO…”

Il film racconta uno spaccato della sua vita con le contraddizioni culturali e sociali in una città in evoluzione ma ancora radicata in un mondo popolare non emancipato. La ricerca di Pasolini si focalizza sull’onestà culturale delle borgate, contrastate dal governo di quegli anni con rigidità intellettuale e forti preconcetti sulle diversità.

L’opera alterna una serie di immagini storiche, alle interviste ai contemporanei di Pasolini: dai colleghi del cinema (Gregoretti, Pupi Avati, Citto Maselli, Maurizio Ponzi), ai ragazzi di vita di Monteverde (Silvio Parrello “er pecetto” e Umberto Mercadante “er gallinella”), agli esponenti di vertice della politica (Gianni Borgna e Goffredo Bettini) a storici e intellettuali come Stefano Rodotà.

Questo film, nato come documentario, è oggi un importante documento storico: col passare degli anni, alcuni dei testimoni che compaiono nelle interviste non ci sono più. Questa è pertanto l’ultima preziosa testimonianza che abbiamo del loro incontro con Pasolini.

Il film è stato presentato in Italia e con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura è stato proiettato a Stoccolma, Lisbona, Sòfia.

Nel 2018 in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia, il regista De Camillis ha allestito una mostra fotografica con 130 scatti  accompagnata dalla proiezione del film e alla presentazione del libro “P.P. Pasolini: Io So…” presso il Centro Culturale Borges di Buenos Aires, a Rosario e Santa Fè.

Il libro, che verrà presentato anche a Matera congiuntamente al film, raccoglie le testimonianze complete, ovvero le interviste integrali, che per ragioni di montaggio e durata nel film hanno dovuto necessariamente essere ridotte nella versione cinematografica. 

L’incontro sarà moderato e condotto dal critico cinematografico Ivan Moliterni.

————-

Enzo De Camillis è nato, cresciuto, vive e lavora a Monteverde, in quei grattacieli di Donna Olimpia dove Pasolini ambienta i suoi romanzi, a pochi metri da dove all’epoca c’era il campetto di pallone e a poche centinaia di metri dalla casa di Pasolini in via Fonteiana. Non ha conosciuto Pasolini di persona, ma ha respirato per tutta la vita lo stesso quartiere e i suoi mutamenti. 

Debutta nel 1977 come aiuto scenografo di Dante Ferretti nel film “Il Mostro” di Luigi Zampa (Dante Ferretti che non solo lavorò con Pasolini, ma disegnò per il poeta la casa di Chia).

Collabora per diversi anni con l’Arch./Scenografo Andrea Crisanti .

Come scenografo ha lavorato con registi di chiara fama come Steno, Pasquale Squitieri, Giuseppe Tornatore, Francesco Rosi.

Con “Il Coraggio di parlare” di Leandro Castellani riceve da Mibac e Istituto Luce il “Premio Qualità per la scenografia”.

Dal 2011 è direttore artistico del Premio de “La Pellicola d’Oro”, riconoscimento ai mestieri e agli artigiani del cinema italiano, giunto alla 12° edizione e riconosciuto Premio Collaterale alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Debutta alla regia nel 2009 con “19 giorni di massima sicurezza” con Luisa Ranieri. Segue “Uno Studente di Nome Alessandro” Nastro d’Argento nel 2012.

Nel 2014 realizza “Un Intellettuale in Borgata” e nel 2018 “Le Periferie di Roma”.

Pubblicità
Pubblicità
mercoledì Giugno 29, 2022

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Copy link
Powered by Social Snap