Due coppie e tanti interrogativi sull’adulterio, sull’amore e sull’identità. Perché se Frances, lesbica ed ex compagna di Bobbi, va a letto con Nick – sposato con Melissa – qualche problema d’identità c’è. The New Yorker ha definito Parlarne tra amici(Einaudi, Supercoralli, traduzione di Maurizia Balmelli) di Sally Rooney “il caso letterario dell’anno, il romanzo sull’amore e il tradimento nel nostro tempo”.

La Rooney, finalista allo Young Writer Award del “Sunday Times”, è un’esordiente che con Parlarne tra amiciha scatenato una gara editoriale: considerato un evento ancor prima di uscire per Faber & Faber, che se l’è aggiudicato dopo un’asta serratissima tra sette editori, è in corso di pubblicazione in venti paesi.

Il segreto di questo libro è nella scrittura dal ritmo serrato, dallo stile fresco e in una trama articolata e cucita addosso a due coppie diversissime, complementari che riescono a mettere in gioco certezze e preconcetti.

Frances è fin troppo controllata e intelligente per i suoi ventun anni – un escamotage per tenere a bada le tante insicurezze. Ha un rapporto difficile con il corpo, al limite dell’anoressia, una relazione conflittuale con la famiglia d’origine e una sorta di venerazione per Bobbi che da partner nella vita si è trasformata in “spalla” per performance intellettuali – entrambe recitano le loro poesia a Dublino.

Da sempre, Bobbi, per Frances, è come se avesse una marcia in più che la rende unica e migliore fin quando Nick sceglie lei e non Bobbi.

Frances è una figura emblematica –in lei convivono problematicità e autenticità – che si trova invischiata in un “gioco” delle coppie nel quale, invece, prevalgono dissertazioni sugli argomenti più disparati. Per l’impostazione di Parlarne tra amici, alcuni critici hanno notato, fatti i dovuti distinguo, similitudini con I love Dick di Chris Kraus mentre per altri dimostra la raffinatezza stilistica e la profondità psicologica dei grandi scrittori, tra Sylvia Plath e Zadie Smith. Non solo: Rooney è stata paragonata a Elena Ferrante per la sincerità con cui racconta l’amicizia femminile, e Parlarne tra amici a un Bonjour tristesse del XXI secolo per come racconta la scoperta dell’eros di una giovane donna; mentre Kazuo Ishiguro ha definito il suo esordio «un evento davvero significativo».

Sally Rooney è nata a Dublino nel 1991 e si è laureata al Trinity College in Letteratura americana. I suoi racconti sono apparsi su alcune delle maggiori riviste letterarie tra cui «Granta», «The White Review» e «The Stinging Fly».

Rossella Montemurro
Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap