sabato, 13 Luglio 2024

“Spesso mi viene in mente quella bambina che voleva a tutti i costi diventare un uomo, perché tale si sentiva. La ricordo con tanta tenerezza nei suoi momenti tristi e dolorosi, la vedo ancora quando piangeva di nascosto per il suo disagio. A volte la sento così vicina, che mi sembra di averla al mio fianco, che mi tiene la mano, guardandomi affascinata e orgogliosa, come se fossi il suo super eroe. Ma sa benissimo che grazie a lei, alla sua tenacia e alla sua voglia di essere a tutti i costi un uomo, io sono quello che sono oggi e lei sarà sempre accanto per accompagnarmi in questo meraviglioso viaggio che è la vita. Oggi sono orgoglioso e contento di me stesso, giorno dopo giorno sono sempre più consapevole della mia nuova identità. Mi sento più sicuro, riesco a esprimere ed esternare le mie emozioni in piena libertà, senza paura di essere criticato, senza vergognarmi, e camminare a testa alta, senza nascondermi, conscio di essere un uomo.”

Quanto coraggio ci vuole per andare controcorrente, sfidare le convenzioni e pacificarsi, finalmente con se stessi? Lo racconta Andrea Baldestein in Non sono una donna (Iacobelli Editore, prefazione di Pino Strabioli), ripercorrendo la sua storia. Dolore, tenacia e incomprensioni sono le costanti della vita di Francesca che, nata con attributi sessuali femminili, da sempre si sente un uomo. Derisa e vittima di bullismo da ragazzina, quando indossa abiti maschili e si fascia il seno per assecondare ciò che lei sente di essere, colleziona una serie di delusioni d’amore da adulta: lei, romantica, non smette di osare, di farsi avanti e chi ha di fronte il più delle volte cede alle sue avance, sempre molto discrete salvo poi lasciarla con la solita frase: “A me piacciono gli uomini”.

Francesca incassa i colpi, psicologicamente per lei è dura, significa procedere border line tra i dettami che la società impone e la propria natura che non si può reprimere. Quello che per lei sembra il preludio di storie d’amore si rivela puntualmente sesso occasionale fino a una relazione destinata a durare quindici anni con una donna alla quale però non riesce a spiegare chi è davvero Francesca.

Ci vorrà una forza enorme per recidere quel legame e intraprendere il cammino per diventare Daniele, una transizione ormonale e chirurgica non semplice ma affrontata con serenità.

Non sono una donna è un libro introspettivo, narrato con toni intimisti, affronta una tematica particolare e controversa che ancora oggi, in pieno terzo millennio, non smette di far discutere.

Andrea Baldestein è nato a Roma nel 1961. È uno scrittore emergente. Ha fatto studi scientifici ma ha sempre amato scrivere. Da adulto si è avvicinato agli studi letterari appassionandosi sempre più alla scrittura: decide per questo di raccontare una storia, una storia vera.

Rossella Montemurro

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap