sabato, 20 Luglio 2024

Due mondi che si guardano ancora oggi con diffidenza, che usano linguaggi diversi. Certo, tra mondo profit e no profit il lavoro è lungo ma questa dicotomia si può superare. Ne sono convinti Alberto Zambolin dell’associazione Quinto Ampliamento e Massimo De Salvo, presidente di Confapi Matera, intervenuti ieri nel secondo appuntamento di Care For 2020, l’iniziativa promossa dall’associazione Matera 2019 e prodotta dall’agenzia di comunicazione Diotima (www.diotimagroup.it).

Sul webinar “Imprese Profit e no Profit e la sfida tra ritorno alla normalità e cambiamento: la cultura come strumento per imparare a “fare cose nuove””, moderato da Vito Di Pede e trasmesso in streaming da TuttoH24, è intervenuto, oltre a Zambolin e De Salvo anche Marcello Cervone di MediHospes onlus.

Zambolin ha evidenziato come, per la situazione che si è venuta a creare oggi, l’associazione abbia deciso di entrare in un programma più operativo: “Il no profit può mettere la sua capacità sul territorio e intercettare i bisogni, l’impresa può essere in grado di aggiungere soluzioni tecnologiche e capacità innovative di trovare soluzione. In questa intersezione può esserci progettualità sociale capace di aiutarci e superare questa dicotomia”.

Piena disponibilità anche dal vicepresidente di Confapi Matera:  “È una cosa che già normalmente facciamo. – ha ribadito De Salvo – Quando facciamo qualcosa con le associazioni no profit che operano sul territorio siamo felici di farlo. Non c’è imprenditore che non agisca con il cuore. Solo per fare un esempio, lo scorso anno è stata organizzata “Race for cure” e abbiamo avuto la partecipazione di tantissime imprese del territorio che hanno fatto sentire la loro presenza sia fisicamente sia dando sostegno economico. Abbiamo anche organizzato gruppi di lavoro e portato a termine progetti davvero molto carini. Siamo disponibilissimi a continuare su questa strada e a potenziarla”.

In rappresentanza della Regione Basilicata è intervenuto Piergiorgio Quarto, consigliere regionale e presidente della terza commissione Attività produttive della Regione: “Diversamente dall’anno precedente, questo momento tragico della pandemia apre scenari completamente diversi. Credo che, involontariamente, quello che è successo a causa del coronavirus renda i cittadini molto più attenti e consapevoli a una tematica che voi state trattando da alcuni anni e che mette al centro i valori fondamentali della vita. Lo dico perché abbiamo visto come le difficoltà che un tempo erano relegate a soggetti più deboli, oggi appartengono trasversalmente a tutti, ci hanno reso tutti fragili. Una fragilità che ci ha livellati in una situazione di grande incertezza e paura per il futuro portando al centro discorsi fondamentali legati al valore di una decisione che mette al centro la comunità, la sicurezza. È l’elemento fondamentale che deve caratterizzare anche il percorso istituzionale. Le comunità devono diventare protagoniste del proprio percorso”.

Per “Le “Proposte Possibili”: Il lavoro e la work life balance” Vito Epifania ha moderato l’incontro tra Giorgio Maran, autore di “il tempo non è denaro” (Altrimedia Edizioni) e Nicola Zanon, direttore di Apindustria Venezia.

“L’arte che “si prende cura” delle fragilità”, spazio curato da Isabella Marchetta e il direttore artistico di Care For Nico Andrulli, ha visto la presentazione del disco di Pippi Dimonte “Majara”.

Infine, per “La legacy 2019 e le tre proposte:Regolamento Beni Comuni, Codice Etico e Forum delle Associazioni Culturali” il presidente dell’associazione Matera 2019 Francesco Salvatore ha dialogato con il presidente CSV Basilicata Gianleo Iosca.

Ultimo appuntamento oggi pomeriggio alle 18.30.

Domenica 24 maggio

………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ore 18.30 – Care For… TeaTime

A cura di Isabella Marchetta

Webinar

“Responsabilizzare” una Comunità attraverso la Gestione Condivisa dei Beni Comuni: Regolamento e Patti di Collaborazione.

Presentazione progetti di patti di collaborazione

Dialogano con Pasquale Bonasora (Labsus):

Dora Capozza (Il Carrubo), Nico Andrulli (Villalongo Project), Antonio Montalbano (ANCRI Matera-Policoro), Isabella Marchetta (Italia nostra).

Ore 19.20 – Intervento di un rappresentante della Provincia di Matera

Ore 19.40 – Anti-Fragility Zone

A cura di Isabella Marchetta e Nico Andrulli

L’arte che si “prende cura”  delle fragilità

Parblè

Emporio del riciclo

I materiali di scarto trasformati in opere d’arte

Con gli artisti Paolo Scozzafava e Giulia De Pace

A seguire

Bilancio della tre giorni, conclusioni ed appuntamento al… futuro

A cura di Francesco Salvatore

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap