martedì, 23 Luglio 2024

Matera,  funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino. L’omelia di Mons. Caiazzo: “Amore non è più una bella parola, un gesto di benevolenza, ma un agire colmo di umanità: consumarsi pienamente fino alla morte”

Pubblichiamo l'omelia che mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, ha pronunciato questa sera nel Palazzetto dello Sport, gremito, durante i funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino: Carissimi,...

Il Consiglio Direttivo dei Cavalieri ha deliberato all’unanimità che i Cavalieri parteciperanno alla processione della Novena in programma per stasera 23 giugno non con il costume tradizionale dei Cavalieri, ma indossando la camicia bianca con lo stemma della Madonna della Bruna.

Non è stata accettata dal Consiglio Direttivo dei Cavalieri la proposta fatta dai responsabili della sicurezza per la Festa della Bruna. Sulla base della proposta, i Cavalieri la sera del 2 luglio 2022 avrebbero potuto partecipare ai tre giri in Piazza Duomo e, dopo la deposizione della statua della Madonna nella Cattedrale, avrebbero sfilato dietro al Carro Trionfale verso Piazza Vittorio Veneto, ma soltanto fino all’arrivo in Piazza San Francesco d’Assisi. Infatti, una volta arrivati in Piazza San Francesco dovrebbero stazionare davanti alla ex Banca d’Italia fino alla fine dello “strazzo” del Carro Trionfale, senza poter più prendere parte alla festa.

“Per non confondere il sacro con il profano, – si legge in un comunicato – il Direttivo invita tutti i Cavalieri a partecipare alla processione, lasciando nel contempo libera scelta a tutti i Cavalieri di partecipare solo con la camicia o con il costume tradizionale secondo la propria coscienza e la propria sensibilità.

Questo per dare un piccolo segnale di disapprovazione nei confronti di quanto stanno proponendo i responsabili della sicurezza a danno dei Cavalieri, minando non solo la loro imprescindibile presenza in ogni fase delle celebrazioni, ma anche la storia e l’immagine secolare della festa stessa.

Sperando fiduciosi che queste incomprensioni vengano quanto prima superate, si esorta il sindaco Bennardi, gli assessori, tutti i politici e i cittadini materani a continuare a sostenere i Cavalieri e la loro idea della festa, perché sostenendo i Cavalieri si difendono al contempo le nostre tradizioni e la cultura antichissima della nostra città.”

Foto di Michele Morelli

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap