martedì, 23 Luglio 2024

Matera,  funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino. L’omelia di Mons. Caiazzo: “Amore non è più una bella parola, un gesto di benevolenza, ma un agire colmo di umanità: consumarsi pienamente fino alla morte”

Pubblichiamo l'omelia che mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, ha pronunciato questa sera nel Palazzetto dello Sport, gremito, durante i funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino: Carissimi,...

L’Amministrazione comunale di Matera parteciperà, domenica prossima 15 ottobre presso il cimitero comunale di via IV Novembre, alla “Giornata mondiale di consapevolezza sul lutto pre-perinatale” (Baby loss awareness day 2023). Una ricorrenza istituita sette anni fa, che vede le comunità di tutto il mondo stringersi intorno alle famiglie che hanno subìto questo tragico lutto. Nel cimitero vecchio di Matera, c’è un’area denominata “Giardino degli angeli” dove si ritroveranno gli amministratori comunali, con in testa il sindaco Domenico Bennardi, l’assessore Massimiliano Amenta e una folta rappresentanza di famiglie materane in collaborazione con l’associazione “Officina delle idee”, interessate direttamente da lutti pre-perinatali, ovvero dalla perdita del proprio bambino nella seconda metà della gravidanza e nelle settimane successive alla nascita. Nella definizione estesa di lutto perinatale, è compresa anche la morte del bambino entro i primi 28 giorni di vita. Il programma prevede, alle ore 18, l’apposizione di una targa monumentale con la piantumazione di due alberi di ciliegio a cura del Comune; alle ore 18.30 la condivisione di pensieri e letture da parte dei genitori presenti e alle ore 19 la proiezione simbolica di un’onda di luce, con candele accese e palloncini. «Il nostro obiettivo -spiega il sindaco Bennardi- è quello di fare in modo che la comunità si stringa ed abbracci le famiglie e le coppie che vivono questo lutto spesso silenzioso e isolato nel dolore. Solo insieme si può abbattere il muro dell’indifferenza e del silenzio. Per queste ragioni -conclude Bennardi- l’evento è aperto a tutti e per tutti, ma con l’appello da primo cittadino al massimo rispetto del luogo dove sono sepolti i nostri angeli, e dell’intimità di questa ricorrenza».

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap