Il prof. Incampo: “La frenesia del guadagno priva di sensibilità, di emozioni, di amore e di verità”

Oggi vorrei fare una riflessione sulla ricchezza e la vorrei fare partendo da un apologo severo, ma delizioso, tratto ancora da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry.

Antoine de Saint-Exupéry è conosciuto nel mondo per essere stato l’autore del famoso romanzo Il piccolo principe, che nel 2017 ha superato il numero di 300 traduzioni in lingue e dialetti diversi, ed è il testo più tradotto se si escludono quelli religiosi.

Nato a Lione da una famiglia cattolica e di nobili origini, terzo di cinque figli del visconte Jean de Saint-Exupéry e di Marie Boyer de Fonscolombe, rimane orfano di padre a quattro anni, ma trascorre comunque una infanzia felice.

L’apologo è il seguente:

«“Io non conosco un pianeta su cui c’e’ un signor Chermisi.
Non ha mai respirato un fiore. Non ha mai guardato una stella.
Non ha mai voluto bene a nessuno. Non fa altro che addizioni.

E tutto il giorno ripete come te: e si gonfia di orgoglio.
Ma non e’ un uomo, e’ un fungo!”
“Che cosa?”
“Un fungo!”»

Avete mai letto il libro biblico dei “Proverbi”?

Il versetto 28 del capito 11, scrive: “Chi confida nelle sue ricchezze cadrà, ma i giusti sbocceranno come foglie”, cioè chi confida nelle cose diventa come loro, oggetto tra gli oggetti.

Ricordo che da bambino mi piaceva ascoltare le discussioni tra anziani. In uno di queste incontri, un signore disse: “Menomale che la morte non si riscatta”.

Da grande ho capito quale fosse il senso di quella affermazione: l’uomo, pur sapendo che il denaro non può riscattare la sua vita dalla morte, tuttavia non sa darsi tregua nel desiderio di accumularlo. Penso che, come a me anche a voi venga ora in mente la parabola di Gesù a proposito del ricco stolto che, dopo aver riempito i granai e ammassato tanta fortuna, sente quella terribile voce: “Stanotte stessa ti sarà richiesta la tua vita”. Né potrà mancare di venirvi in mente la celebre immagine del cammello e della cruna dell’ago, che Gesù racconta a proposito dell’impossibilità – ove non sia per miracolo – per un ricco di entrare nel Regno dei cieli.

La frenesia del guadagno, il possesso smodato, l’egoismo aggressivo e il successo ad ogni costo che, sempre meno cristiana, la nostra cultura esalta, riducono l’uomo a farsi appena e nulla più che un fungo, a farsi cioè muffa priva di sensibilità, di emozioni, di amore e di verità.

Conviene davvero non dimenticare mai le parole del salmo 49:  “… Non temere se vedi un uomo arricchirsi; quando muore non porta nulla con sé …”.

Nicola Incampo

Responsabile della CEB per l’IRC e per la pastorale scolastica

Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap