Il prof. Incampo: “I disastri naturali e le catastrofi non derivano da un Dio cieco e ostile ma dal fatto che l’uomo non sa vivere nel rispetto della natura”

Mi è capitato molte volte nella mia lunga carriera di insegnante di parlare agli alunni di “Creazione” e ho sempre preferito introdurre il tema con una suggestiva parabola araba.

Eccola: «Dio creò il mondo come un giardino rigoglioso, fitto di alberi, pullulante di sorgenti, costellato di prati e di fiori. Là aveva deposto gli uomini e le donne ammonendoli: “A ogni cattiveria che commetterete io lascerò cadere un granello di sabbia in questa immensa oasi del mondo”. Ma gli uomini e le donne, indifferenti e frivoli, si dissero: “Che cos’ è mai un grano di sabbia in una così immensa distesa di verde?” E si misero a vivere in modo fatuo e vano, perpetrando allegramente piccole e grandi ingiustizie. Essi non s’accorgevano che, a ogni loro colpa, il Creatore continuava a calare sul mondo i granelli aridi della sabbia. Nacquero, così, i deserti che di anno in anno si allargano stringendo in una morsa mortale il giardino della Terra, tra l’indifferenza dei suoi abitanti.

E il Signore continua a ripetere: “Ma perché mai le mie creature predilette si ostinano a rovinare la mia creazione trasformandola in un immenso deserto?”»

Inquinare, scardinare i ritmi della natura, spezzare la trama degli elementi, ferire il creato, disprezzare la materia è un grave peccato contro Dio Creatore.

I disastri naturali e le catastrofi non derivano da un Dio cieco e ostile, ma derivano proprio dal fatto che l’uomo non sa vivere nel rispetto della natura, si butta sopra come un tiranno devastatore.

È ciò che ha ribadito il Sinodo dei vescovi sull’ Amazzonia e che aveva proposto con forza papa Francesco con la sua ormai famosa enciclica che si intitola con le prime parole del Cantico delle creature di san Francesco, ossia «Laudato si’, mi’ Signore» pubblicata il 24 maggio 2015.

Ma l’indifferenza e l’egoismo, denunciati nella parabola araba sopra citata, non si sono incrinati più di tanto, se pensiamo al degrado ambientale che continua a propagarsi in mille forme.

C’è anche però un atteggiamento ecologico biblico che consiste nel ritrovare il quadro delle armonie graduali scritte da Dio nella natura.

La nostra responsabilità nei confronti della creazione ci viene riproposta dalla parabola araba.

E’ arrivato veramente il momento di ritrovare la nostra fraternità con la natura, con la terra, con le creature che ci circondano e con noi e con noi convivono, perché, come dice il Salmista “Tutto ciò che respira dà lode al signore”. (Salmo 150, 6).

Ricordiamoci che nel Libro della Sapienza, uno scritto anticotestamentario greco composto alle soglie del cristianesimo (forse nell’ anno 30 a.C.) aveva già scritto: «Dalla grandezza e bellezza delle creature per analogia si conosce il loro Artefice».

Vorrei concludere questa mia modestissima riflessione con quanto San Giovanni Paolo II, il Grande Papa, aveva così sintetizzato: «Dio ha scritto un libro stupendo le cui lettere sono la moltitudine delle creature presenti nell’ universo».

Nicola Incampo

Responsabile della CEB per l’IRC e per la pastorale scolastica

Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap