Il prof. Incampo e la fede della Chiesa: “Nella liturgia la nostra voce, per quanto indegnamente, diventa voce di Cristo”

Ricordo che un’alunna al Liceo mi disse: “Durante la Santa Messa una preghiera che mi commuove quando il sacerdote dice: “Non guardare ai nostri peccati ma alla fede della tua Chiesa e donale unità e pace secondo la tua volontà”.”

Bellissima l’osservazione!

Provo a rispondere.

È una preghiera molto bella che il Sacerdote pronuncia a nome di tutta l’assemblea, prima dello scambio della pace, e può suscitare un legittimo interrogativo: la Chiesa non siamo forse noi? A quale Chiesa dovrebbe rivolgere il suo sguardo il Signore?
Come al solito serve un po’ di storia.

È interessante sapere che questa orazione prima della riforma conciliare, veniva recitata dal sacerdote privatamente e sottovoce usando la prima persona singolare.

È interessante sapere che durante il Medioevo, il sacerdote manifesta la propria indegnità nel presentare a Dio la supplica per tutto il popolo,

Fu Paolo VI che stabilì che questa preghiera fosse recitata ad alta voce dal sacerdote per coinvolgere in questo stesso atteggiamento tutta l’assemblea e fosse chiaro che la preghiera liturgica è in primo luogo preghiera di Cristo.

Ecco perché tutte le orazioni liturgiche si concludono con la frase «Per Cristo nostro Signore».
infatti nelle preghiere liturgiche non prevalgono i nostri peccati, ma i meriti e la santità di Cristo.

Ed è proprio che per questo motivo che durante questa orazione noi stiamo in piedi come figli davanti al padre e non come schiavi davanti al padrone.

Questa è la fede della Chiesa .

Nella liturgia la nostra voce, per quanto indegnamente, diventa voce di Cristo. Pertanto, pregare il Signore di non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della sua Chiesa, non è semplicemente un doveroso atto di umiltà, nella consapevolezza delle nostre personali infedeltà; è soprattutto un atto di fede nell’insondabile mistero di un Dio che ci ha voluti fragili perché conoscessimo la gioia dell’amore che perdona e che non dimentica mai la nostra dignità di figli, per quanto sfigurata dal peccato.

Di conseguenza «tutti i membri della Chiesa, compresi i suoi ministri, devono riconoscersi peccatori. In tutti, sino alla fine dei tempi, la zizzania del peccato si trova ancora mescolata al buon grano del Vangelo. La Chiesa raduna dunque dei peccatori raggiunti dalla salvezza di Cristo, ma sempre in via di santificazione» (Catechismo della Chiesa cattolica, 827).

Nicola Incampo

Responsabile della CEB per l’IRC e per la pastorale scolastica

Pubblicità
sabato Novembre 5, 2022

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Copy link
Powered by Social Snap