giovedì, 25 Luglio 2024

Torna Aleco con il suo stile fresco, con testi delicati che strizzano l’occhio ai sentimenti e sono un chiaro omaggio alle canzoni degli anni Ottanta e Novanta.

I nove brani del suo nuovo album, “Gli amori alle stazioni” (Music Force, distribuzione Egea), sono così: leggeri e con una vena malinconica, pieni d’amore ma con tutte le sfaccettature. Incredibilmente pop, si lasciano cantare, complici melodie orecchiabili che ti entrano dentro fin dal primo ascolto.

Per cogliere il senso basta soffermarsi sulle parole di Aleco: “Una telefonata, un appuntamento.
Lei torna oggi, data, ora e luogo, la stazione.
Lui si prepara trafelato, esce.
I minuti passano, ecco il treno. Scendono in tanti, ma non lei.
Un altro messaggio, è un addio.
Lui non sa se deprimersi perché lei non tornerà più, o se essere lieto perché lei, l’altra, ora lo aspetta con più voglia.
Il momento è solenne, vendere l’anima al diavolo, cambiare vita in meglio, o affrontare le proprie, nuove, paure e pensare ai vecchi fantasmi.
Pensare a quell’isola dove si sono conosciuti, in cui tutto era tremendamente bello, tanto da prolungare la vacanza, pensando che fosse solo una tresca, una frivola e inutile tresca. Eppure lei era bella, bella come una bambina che corre e vince sempre.
Lei, lui forse ora stanno pensando agli occhi di lui, o di lei… a mandorla, donati da Venere, neri, profondi, da assaporare ogni momento, da immaginarli sul treno mentre guardano il finestrino.
I progetti, l’amore al posto dello studio, un figlio, nessuna distanza li avrebbe mai scalfiti, un aeroplano di carta per mandarsi i messaggi anche in situazioni impossibili.
La vita che va oltre ogni capolinea, ogni masso gigante sulle rotaie, ogni ritardo. Un figlio da crescere con quel poco che avrebbero potuto dargli che per lui sarebbe stato tutto, un figlio da educare, da illuminare con il sole e le stelle, con le amicizie vere e la vita su quell’unico binario che da loro avrebbe portato ovunque.
Una telefonata, un appuntamento.
Lei torna oggi, data, ora e luogo, la stazione.
Lui si prepara trafelato, esce.
I minuti passano, ecco il treno. Scendono in tanti, ma non lei.”

Aleco è il nome d’arte di Alessandro Carletti Orsini, romano classe ’76. Quindici anni fa ha fondato, insieme a Emanuele La Plebe, la Music Force, un’associazione che si occupa di dare una mano a tanti artisti, cercando di dare loro una discreta visibilità a livello nazionale e non solo. Dal 2008 la Music Force è diventata editore musicale occupandosi direttamente di produzione e promozione discografica.

Nel 2020 Aleco ha pubblicato l’album “L’ultima generazione felice”, nel 2021 il singolo “Il sapore della luna”.

Rossella Montemurro

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap