martedì, 23 Luglio 2024

Apre al pubblico a Matera  la Scuola di Alta Formazione dell’Istituto Centrale per il Restauro per le due giornate Fai d’Autunno, evento nazionale di partecipazione attiva e di raccolta pubblica di fondi. L’edizione 2021 è.

Le Giornate FAI d’Autunno, giunte quest’anno alla decima edizione – un’edizione dedicata ad Angelo Maramai (1961-2021) già direttore generale del FAI – si svolgono sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con il patrocinio della Commissione Europea, del Ministero della Cultura, del Ministero dell’Istruzione e del Ministero dell’Università e della Ricerca.

In prima linea in via La Vista, nell’Istituto centrale per il Restauro, i giovani ciceroni del Liceo Classico Duni di Matera, coordinati dalle docenti Maria Michela Papapietro, Elena Di Caro e Agnese Dell’Acqua
Nella Civita di Matera si trova una delle due sedi (la principale è a Roma) della Scuola di Alta Formazione dell’ICR-Istituto Centrale per il Restauro, organo tecnico del Ministero della Cultura specializzato nel campo del restauro e della conservazione delle opere d’arte e del patrimonio culturale ed eccellenza internazionale. La sede lucana, ospitata nel settecentesco ex Convento di Santa Lucia Nova e attiva dal 2015, è stata fortemente voluta da Michele D’Elia, direttore dell’ICR negli anni 1988-1991 a cui la Scuola è stata intitolata e vede ora attivi due percorsi formativi professionalizzanti d’eccellenza, con attività didattiche teoriche e applicative che trovano nell’interdisciplinarità il loro fondamento. Al suo interno convivono infatti storici dell’arte, architetti, archeologi, fisici ed esperti nei controlli ambientali, chimici, biologi, restauratori delle diverse tipologie di materiali costitutivi dei manufatti di interesse storico e culturale. In occasione delle Giornate FAI d’Autunno sarà offerta ai visitatori la narrazione storico-artistica e architettonica del luogo, generalmente non accessibile, e, per la prima volta, verranno presentati dai primi restauratori laureati nella sessione di giugno 2021 gli esiti dei restauri di importanti opere. Tra questi, il pulpito ligneo collocato nella chiesa di San Francesco d’Assisi a Matera, “Il Tuffatore” (1935), scultura di Umberto Milani conservata al MUSMA – Museo della Scultura Contemporanea Matera e l’intervento di conservazione sul murale urbano realizzato da JoritAgoch nel 2019 dal titolo “Ama il tuo sogno”.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap