Enigma Lacoonte di Francesco Colafemmina: arte, storia e mito nel sgno di Michelangelo

Arte, storia, mito: è su queste tre direttrici che si snoda Enigma Lacoonte (Mimesis Edizioni) di Francesco Colafemmina, classicista e saggista.

Secondo la leggenda, come riporta l’autore, “Laocoonte è un sacerdote, per dono divino di preveggenza intuisce il pericolo costituito dal cavallo ligneo, è quindi ucciso assieme ai figli da due serpenti giunti dal mare mentre si appresta a sacrificare al dio Poseidone, in ringraziamento per la scomparsa delle navi dei Greci. Laocoonte e i suoi figli diventano così essi stessi vittime sacrificali atte a propiziare la tragica fine di Troia”.

La prima notizia certa del rinvenimento del Laocoonte è una lettera del fiorentino Bonsignore Bonsignori a Bernardo Michelozzi datata 24 gennaio 1506. Dieci giorni prima, nella vigna di un funzionario pontificio, Felice de Fredis, fu ritrovato un complesso marmoreo che avrebbe condizionato profondamente l’estetica europea: il Laocoonte. Immediatamente identificato come uno dei capolavori della statuaria antica, menzionato da Plinio nella Naturalis historia, viene acquistato per il cortile del Belvedere da papa Giulio II. Sul luogo della scoperta quel giorno apparve Michelangelo Buonarroti. Il Laocoonte lascerà un segno indelebile sulla sua arte di imprimere energia e forza vitale al corpo umano.

Il dubbio è che Michelangelo, già noto per una famosa contraffazione, Cupido dormiente, “antichizzato” a dovere e sepolto in una vigna, poi venduto per antico, possa aver replicato la truffa proprio con il Lacoonte.

“Lo sguardo dell’artista incrocia più volte quello del Laocoonte, – spiega Colafemmina – e non è chiaro se con compassione o compiacimento per la sconfitta del troiano. Viene dunque da chiedersi se il marmo ammirato non sia stato animato dalla stessa mano, dallo stesso sguardo. Probabilmente le prove della più straordinaria contraffazione della storia non emergeranno mai, così come non riemergerà dai sotterranei di una Basilica romana l’autentico Laocoonte esaltato da Plinio”.

Con estrema competenza e precisione Enigma Lacoonte analizza tutti i risvolti di questa intricata vicenda, ne ricostruisce il contesto storico-culturale, richiamando la dimensione simbolica del Laocoonte e il suo messaggio spirituale e politico.

Colafemmina è autore di diverse opere e traduzioni fra le quali ricordiamo: Dialoghi con un persiano, di Manuele II Paleologo (2007); Il matrimonio nella Grecia classica (2011); Le Api e Noi (2017); La Democrazia di Atene: storia di un mito (2020).

Il volume sarà presentato il 22 ottobre alle 17 nella Pinacoteca Metropolitana “Corrado Giaquinto” di Bari.

Rossella Montemurro

Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap