ConfGuide-Confcommercio Matera GTA Basilicata sul piede di guerra per le visite guidate del Fai

Riceviamo e pubblichiamo da ConfGuide-Confcommercio Matera GTA Basilicata la nota inviata aFAI – Delegazione di Matera, Comune di Matera, Provincia di Matera, Regione Basilicata, Arcidiocesi di Matera-Irsina, Confindustria Basilicata, Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Matera, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Matera, Museo Nazionale di Matera, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Basilicata Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici – DiCEM – Università degli Studi della Basilicata:

Spett.li Enti e Istituzioni, apprendiamo con turbamento dell’iniziativa organizzata, col vostro supporto, dal FAI Fondo Ambiente Italiano nell’ambito delle “Giornate FAI di Primavera” (15-16 Maggio p.v.) dal titolo “Una passeggiata nella storia di Matera”, nel corso della quale si organizzano visite guidate condotte da studenti del Corso di Studi di Architettura e della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici nei Sassi e nel centro storico di Matera. Ci preme segnalare che lo svolgimento di visite guidate, specie se dietro un contributo economico, che sia volontario o “minimo e suggerito”, come furbescamente indicato dal FAI, è possibile solo e unicamente da chi è in possesso di un’abilitazione alla professione di Guida Turistica, professione regolamentata e normata da leggi dello stato e regionali molto precise. Non basta dunque leggere qualche testo (né possedere una laurea o un dottorato) per condurre visite guidate. Al di là degli aspetti legali, inoltre, troviamo che affidare a volontari il compito di organizzare un itinerario turistico e di gestire l’accoglienza dei visitatori e il servizio di visita guidata mortifichi le guide turistiche abilitate che, dopo aver faticosamente acquisito le competenze e conseguito i titoli di studio, nonché quelli abilitanti alla professione, hanno aperto una partita Iva facendo di tali competenze un lavoro su cui investire il proprio futuro. Non si vuole qui puntare il dito contro i volontari, ma ricordare che l’organizzazione e la gestione di un servizio guida richiedono competenze professionali che necessitano di un vero contratto di lavoro e soprattutto di una adeguata retribuzione. Invece si contribuisce, in questo modo, a trasmettere il pessimo messaggio che quella della guida turistica non sia una professione, ma un hobby per il quale bastano passione e buona volontà. Questa visione stereotipata, tra l’altro, confluisce in un modello di valorizzazione e tutela del patrimonio culturale che svilisce un po’ tutte le professioni culturali, in primis quella di archeologo, che troppo spesso sono ritenute superflue e sostituibili con attività di volontariato. Anche gli architetti, inoltre, specie i più giovani, si ritrovano a combattere mentalità e atteggiamenti che sminuiscono la professionalità acquisita, tanto dal punto di vista economico quanto delle competenze. Ci si aspetterebbe, dunque, che gli enti e le istituzioni che formano e tutelano archeologi e architetti fossero solidali con le guide turistiche e operassero per stigmatizzare tali comportamenti, anziché avvallarli o addirittura, come in questo caso, rendersene partecipi. Il tempismo, inoltre, non potrebbe essere peggiore. A causa della pandemia globale, il settore turistico è in ginocchio da un anno e mezzo, e lo sarà per ancora chissà quanto. Le timide aperture delle prossime settimane rappresentano, per molti operatori, la speranza di guadagnare qualcosa per pagare le tasse e le spese quotidiane. E invece si ritrovano soggetti alla sleale e abusiva concorrenza delle associazioni di volontariato, che mostrano una disarmante mancanza di sensibilità. Tutto questo non è più tollerabile. Chiediamo a tutti voi di ritirare formalmente l’adesione a questa iniziativa. Ci riserviamo, inoltre, di segnalare l’attività abusiva alle autorità preposte al controllo.

Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap