Pubblicità

È morto per un incidente sul lavoro Raffaele Ielpo di Lauria (PZ), l’operaio di 42 anni che nella giornata di ieri era nel cantiere aperto della metropolitana M4 a Milano quando i detriti lo hanno travolto.

Secondo una prima ricostruzione l’operaio era a lavoro a 18 metri di profondità, quando è stato travolto da un blocco di cemento insieme ad altri detriti che sono crollati dalla parete del tunnel. 

Ielpo è rimasto semisepolto e ha riportato lesioni e ferite molto gravi. Come si evince anche da Ansa, l’uomo avrebbe cercato di liberarsi utilizzando tutte le sue forze, ma le lesioni non glielo hanno permesso ed ha perso i sensi.
Immediato l’arrivo dei Vigili del Fuoco che hanno svolto una lunga operazione per liberarlo. Subito dopo i sanitari del 118 hanno cercato di rianimarlo sul posto.
L’operaio è poi stato trasportato in ospedale con codice rosso ma per lui non c’è stato nulla da fare.

Ora si indaga per capire cosa possa essere accaduto in quel momento e se tutte le misure di sicurezza siano state o meno osservate.

Pubblicità