La Felandina, aveva due figli ed era in Italia per mantenerli la 28enne nigeriana che ha perso la vita nel rogo


Foto dalla pagina Facebook della Questura di Matera

L'esplosione di una bombola carica di gas potrebbe essere stata la causa della morte di una donna nigeriana avvenuta  in un capannone dell'ex complesso industriale "La Felandina" a Metaponto di Bernalda (Matera). E' questa la principale ipotesi su cui gli investigatori - coordinati dalla pm di Matera Maria Christina De Tommasi e dal questore Luigi Liguori - sono al lavoro dopo aver fatto effettuato le prime verifiche.

La cittadina nigeriana morta nell'incendio aveva 28 anni ed era nata a Lagos. La ragazza conosciuta come "Petty", era emigrata in Italia per lavorare e sostenere i due figli minorenni che sono ancora nel loro Paese.