Indagini della Polizia sull'incendio nei capannoni de "La Felandina" in cui è morta una 28enne. Circa 250 i cittadini extracomunitari che occupavano l'area


Foto ANSA
Alle 6 circa di questa mattina un incendio di rilevanti proporzioni ha interessato uno dei capannoni industriali dismessi de “La Felandina”, siti in Metaponto - contrada Mercuragno lungo la S.S. 407 Basentana, occupati abusivamente da immigrati di origine africana.
Oltre ai Vigili del Fuoco, è subito intervenuto personale della Polizia di Stato e delle altre forze di polizia, coordinati direttamente sul posto dal Questore Luigi Liguori.
Al momento del fatto, all’esterno dei fabbricati erano presenti circa 250 cittadini extracomunitari.
L’incendio è stato domato intorno alle 9.30 e si è propagato marginalmente anche ad un secondo capannone.
All’interno del primo, completamente distrutto, è stato rinvenuto il cadavere di una donna di presumibile origine nigeriana di 28 anni. In merito non risulta possibile effettuare rilievi scientifici considerate le condizioni parzialmente carbonizzate del cadavere.
Non si registrano feriti.
Sono tuttora in corso indagini della Polizia di Stato per accertare l’origine e la dinamica dell’incendio. In ordine alla vicenda, il Prefetto di Matera Demetrio Martino ha convocato per il pomeriggio odierno una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.