Kickboxing, il materano Vito Montemurro nuovo campione italiano Wako Pro PRO -57 kg. Verdetto ingiusto per Danilo Andrulli e lettera di reclamo del Maestro Tralli agli organi federali


 


 

Si è concluso un weekend di fuoco per la Dynamic Center di Matera del Maestro Biagio Tralli, impegnata sabato scorso a Napoli e domenica a Palagiano.

Sabato 8 Giugno i ragazzi del Team Tralli sono stati impegnati nel galà Fight for Naples: Danilo Andrulli è stato chiamato a difendere il titolo italiano di Kickboxing specialità K-1 nella categoria di peso 67 kg opposto al bravissimo atleta di casa Daniele Iodice della Pro Fight. Al peso entrambi i contendenti al Titolo hanno fermato l’ago della bilancia a 67 Kg.

Oltre a loro a salire sul ring napoletano si sono ritrovati Musto Donatello -71 Kg specialità K-1 junior e Gravela Antonio -60 Kg senior che con i loro bei match hanno fatto da cornice all’evento clou della serata, il titolo italiano Wako Pro.

Al suono della campanella entrambi gli atleti danno vita a un bellissimo match di alta caratura tecnico tattica: Danilo Andrulli incitato dal numerosissimo pubblico accorso da Matera per la manifestazione sembra di avere qualcosa in più rispetto al suo avversario ma alla lettura dei cartellini i giudici campani assegnano la vittoria a Daniele Iodice.

Il Maestro Biagio Tralli ha subito inviato una lettera di reclamo agli organi federali preposti per il verdetto ingiusto assegnato al suo allievo.
 
 

Domenica 9 Giugno nel Galà Palagiano Fight Night  organizzato dal Responsabile Regionale FIKBMS Puglia, Gianni Laterza, sono stati impegnati Eustachio Gravela -52 junior Low Kick, Alessia Casalino -60 Kg senior Low Kick, Claudio Ruggieri -75 Kg junior Low Kick, Michele Denora -71 kg senior Low Kick e Marco Bruno. Le sfide con questi atleti hanno anticipato il match-clou per il titolo italiano di Kickboxing Wako Pro specialità Low Kick categoria di peso -57 Kg tra il bravissimo fighter di Villa Castelli, Antonio Venza e il fighter Materano Vito Montemurro.

Al suono della campanella entrambi gli atleti mostrano di essere determinati nel portarsi a casa la cintura di Campione Italiano. Venza si affida alle stupende tecniche di gambe, mentre Montemurro sferra dei potenti low kick alle cosce dell’atleta pugliese per cercare di destabilizzare il suo punto di forza. Con il passare delle riprese il match si accende, con i due fighter che cercano di non concedere nulla all’altro, ma nella terza ripresa il lavoro del materano inizia a destabilizzare gli appoggi di Venza che riesce comunque a resistere. Montemurro poi colpisce il suo avversario con un montante destro al viso e un montante sinistro sul fegato che piega le gambe. Venza è costretto a subire il conteggio dell’arbitro centrale e Vito Montemurro diventa il nuovo campione italiano di Kickboxing Wako Pro PRO -57 kg.

 “Sono fiero dei miei due fighter che hanno ancora una volta mostrato di essere competitivi ad altissimi livelli. Ma resto molto rammaricato per ciò che è accaduto a Napoli dove non ha perso Danilo Andrulli, non ho perso io ma ha perso lo sport”, ha affermato il Maestro Tralli.