Carenza di personale e altre problematiche nel Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Matera, lettera dei sindacati al Sottosegretario all’Interno Candiani



I coordinamenti e le segreterie provinciali dei Vigili del Fuoco di Matera di VVF Cgil, Fns Cisl, Uila Vigili del Fuoco, Conapo, Confsal Vigili del Fuoco e Usb hanno consegnato questa mattina al sottosegretario all’Interno Stefano Candiani il testo di una lettera aperta indirizzata anche al  Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Mulas, al Capo del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, Dattilo, al Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco Basilicata, Franculli, al Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Matera Tafaro e al governatore lucano Bardi:

“Con compiacimento ed orgoglio osserviamo ancora che Matera è posta al centro dell’interesse politico-istituzionale. Particolare attenzione è stata riservata al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Matera, soprattutto per quello che gli operatori vigili del fuoco e personale tutto, stanno prodigando in occasione del notevolissimo afflusso di visitatori nella città assunta a Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019.
Diamo atto che qualche piccolo segnale di miglioramento, anche se è ancora troppo poco e spesso solo promesso, è stato riservato al Comando di Matera ed agli operatori che danno visibilità positiva ed apprezzata a tutti i livelli, per la grande professionalità che dimostrano nello svolgimento dei compiti finalizzati a garantire sicurezza e soccorso tecnico urgente alla collettività.
Proprio per questo vogliamo ancora tornare a ripetere le richieste che abbiamo già formulato recentemente in occasioni similari.
Permane ancora una forte carenza di personale al Comando di Matera in ragione del fatto, come già detto, che oramai Matera è al centro di percorsi turistico-culturali che tutte le previsioni portano a consolidarsi nel tempo.
Con abnegazione e senso del dovere i Vigili del Fuoco del Comando di Matera si sottopongono a turni lavorativi che si susseguono, con il solo rispetto delle ore di riposo obbligatorie, proprio per il loro attaccamento al dovere ed al “CORPO”.
Anche il potenziamento dei mezzi di soccorso, in numero e qualità, risulta non più rinviabile in particolare per quanto attiene ai mezzi da utilizzarsi nei rioni Sassi che per la loro orografia richiedono adeguati e specifici mezzi di soccorso, oggi del tutto insufficienti.
Ma è tutta la provincia di Matera che richiede un potenziamento dei presidi dei Vigili del Fuoco.
Importante è elevare il distaccamento di Policoro da categoria SD3 attuale a categoria SD4. La fascia ionica su cui insiste il distaccamento di Policoro, nel periodo estivo registra numeri elevatissimi di presenze turistiche nei numerosi villaggi per le vacanze disseminati lungo la costa, con un intensissimo incremento di traffico lungo la dorsale stradale ionica, che partendo da Taranto attraversa il litorale ionico lucano, porta al litorale ionico calabrese. Si rende quindi necessario un aumento di organico del distaccamento di Policoro, conseguente al passaggio alla categoria superiore. Anche l’area interna collinare della Provincia di Matera merita attenzione, ad oggi è totalmente sguarnita di distaccamenti dei Vigili del Fuoco.
Importante aprire un tavolo di discussione con il neo Presidente della Regione, dott. Bardi, nel merito della convenzione tra la Regione Basilicata e il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, sia per quanto attiene ai presidi dinamici nei Sassi, tanto importanti e sicuramente utili e che riteniamo debba rinnovarsi anche per gli anni a venire, sia anche per quanto attiene l’imminenza della stagione estiva per attivare con immediatezza l’operatività delle squadre AIB-Antincendio Boschivo.
Come detto in premessa, abbiamo percepito segnali di attenzione e qualche piccolo risultato, chiediamo che quanto promesso possa effettivamente concretizzarsi.
I Vigili del Fuoco di Matera, che ci onoriamo di rappresentare, sono fiduciosi e si attendono risposte certe e concrete, questo potrà dar loro la consapevolezza che il loro lavoro, il loro impegno, il loro attaccamento e la loro abnegazione sono apprezzati anche dai vertici politici ed istituzionali, i cittadini lo hanno già fatto e lo fanno quotidianamente”.