Con la mostra "Belle figure" proseguono “I Cammini tra radici e futuro. Il Contributo dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina al percorso di Matera 2019”



Con “Belle figure”, mostra d’arte pittorica di artisti lucani che si apre il 24 maggio a Matera nella chiesa di San Biagio, proseguono “I Cammini tra radici e futuro. Il Contributo dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina al percorso di Matera 2019” che è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, coprodotto dall’Arcidiocesi di Matera-Irsina, dall’Associazione Parco Culturale Ecclesiale “Terre di Luce” e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019, patrocinato dal Pontifico Consiglio della Cultura e dall’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana.
La visione del bello segna la vita di un artista: la bellezza passa prima attraverso i suoi occhi e rimane nell’iride dell’artista, fino a che la mano non riesce a presentarla a chi guarda l’opera d’arte. Sei artisti lucani presentano la loro esperienza della bellezza, offrendo ai visitatori due opere pittoriche ciascuno, in una collettiva inedita, aperta per dieci giorni, in cui i singoli artisti si alterneranno come guide. Gli artisti sono i seguenti: Lucia Bonelli, Brunella D’Adamo, Maria Luisa D’Eboli, Maria Ditaranto, Stefano Durante, Pierluigi Lo Monte
La Mostra, promossa dal MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale), é uno degli appuntamenti promossi nell’ambito di Matera Beauty Experience, evento multimediale e multisensoriale che sarà realizzato a Matera nei prossimi giorni. La mostra rimarrà aperta fino al 2 giugno 2019 con gli orari di apertura dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 17,00 alle ore 20,30.
“Belle figure” rientra nel Cammino delle Letture.