Matera 2019, cala il sipario sul circo contemporaneo

Foto Digital Light House
Ha riscontrato una notevole partecipazione, con sold out a ogni spettacolo, il cartellone di Circus+, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 che per 5 settimane, nei lunghi weekend dal 14 febbraio al 17 marzo, ha portato nella città dei Sassi il meglio del circo contemporaneo europeo.
Ai 37 spettacoli ospitati nel Grand Chapiteau e alle performance del Petit Chapiteau sono stati registrati circa 10.000 ingressi. Ben 112 gli artisti che si sono esibiti fra i due Chapiteaux, 23 le compagnie internazionali coinvolte, provenienti da 10 nazioni diverse. Fra i nomi internazionali, spiccano quelli di Ziya Azazi, Jörg Muller, Hisashi Watanabe, Phia Menard della compagnia Non Nova, Groupe acrobatique du Tanger.
Le giornate di programmazione sono state 21, con iniziative concentrate fra le ore 20:00 e le 23:00 durante la settimana, dalle 19:00 la domenica e il sabato già a partire dalle 18:00 grazie gli appuntamenti del CineCirco, con proiezioni di film e la presentazione di un libro, tutti dedicati al mondo del circo, costruendo un ponte ideale fra tradizione e contemporaneità.
Ben 20 le attrezzature usate dagli artisti: da quelle tradizionali come fune, corda, trapezio, tessuto, clave, bolas, palline, scala, sfera, piatti cinesi, cappelli, corda magica, mini bicicletta, rola bola, roue cyr, hula hoop, monociclo, palo cinese, diablo, pallone comico, a quelle più insolite come un abat-jour, una corda fileuse, un tubo d’acqua, borse di plastica e gonne roteanti.
I volontari coinvolti nell’accoglienza del pubblico sono stati 160. A questi numeri si aggiungono quelli del pubblico coinvolto attraverso la comunicazione digitale, che ha raccontato, attraverso foto, video e una diretta integrale di uno degli spettacoli, le emozioni e l’atmosfera degli Chapiteaux: su Facebook sono state registrate 19000 visualizzazioni video  con un +1537  di like; su Instagram 275 like in media a post  e un +350 di follower a settimana; su Linkedin 3021 visualizzazioni e un +60 follower; su Twitter il “Top tweet” ha raggiunto le 2661 visualizzazioni  con un +128 di follower; il canale Youtube ha infine registrato 1594 visite e  +100 iscritti.
“Oltre ad essere molto soddisfatti dei numeri registrati in termini di presenze, - sottolinea Ariane Bieou, manager culturale della Fondazione Matera Basilicata 2019 -, siamo molto felici della grande voglia di partecipazione riscontrata da parte del pubblico, desideroso di scoprire artisti e culture da tutto il mondo. Grandissimo è stato inoltre l’apprezzamento degli artisti per la calorosa accoglienza a loro riservata da parte di spettatori di ogni età. Il “calar del tendone” ci lascia una giusta dose di nostalgia ma anche una grande voglia di ricominciare a gustare le nuove iniziative culturali che il programma di Matera 2019 propone. Un particolare ringraziamento va a Circostrada Network europeo e CircusNext Label europeo che hanno collaborato al progetto Circus+ nonché all’Ambasciata di Francia, l’Institut Français ed Eu Japan Fest che lo hanno sostenuto”.