Potenza, la Mediterraneo Cup di Jiu Jitsu al team nazionale Budo Clan del maestro Bacci capitanato in regione da Massimiliano Monaco


Si è svolta domenica 13 gennaio presso il palazzetto dello sport Palapergola di Potenza, la seconda edizione del BJJ MEDITERRANEO CUP, competizione lucana di Jiu Jitsu Brasiliano, valevole per il punteggio del Ranking Nazionale. 
L'evento, promosso dal Maestro Massimiliano Monaco e dallo staff dell'ASD Accademia delle Arti Marziali e Sport da Combattimento, ha avuto anche il patrocinio dal presidente della UIJJ (Unione Italiana Jiu Jitsu), Dario Bacci, visto che in solo due anni si è collocato ai vertici dei Challenge organizzati nel sud Italia.  
La risposta è stata positiva e la partecipazione massiccia, come ci si aspettava; il Mediterraneo Cup ha infatti registrato 389 atleti provenienti da tutta Italia.
Il jiu jitsu brasiliano è un'arte marziale efficace e non violenta che ha rivoluzionato l'intero panorama degli sport da combattimento, differenziandosi per strategia e metodologia. 
La sua peculiarità sta nell'essere basato principalmente su tecniche di leva articolare e di strangolamento, usate soprattutto dopo aver portato al suolo l'avversario, per costringerlo a desistere dal combattimento o a non essere più in grado di continuarlo. 
Sebbene lo stile di jiu jitsu in questione sia fortemente orientato al combattimento, la pratica quotidiana di questa disciplina non è violenta ma al contrario sicura e compatibile con persone di ogni genere ed età e porta con sé una serie di benefici notevoli, che vanno al di là delle tecniche di efficace difesa personale.
La filosofia che regola e sta alla base del jiu jitsu brasiliano, infatti, rende spesso quest'arte uno stile di vita per chi la pratica. Gli appassionati, se guidati nel modo corretto, trovano così una forte motivazione per adottare abitudini più salutari con indubbi benefici per la propria salute e sviluppano una maggiore sicurezza in sé stessi.  
Puntuale e precisa l'organizzazione che ha riscosso un enorme successo e grandi consensi da parte di tutti i team che hanno aderito. Importante la partecipazione dei più piccoli e del gentil sesso, a conferma che questa disciplina è praticabile da tutti, fin dalla prima infanzia. 
Ad aggiudicarsi la Mediterraneo Cup il team nazionale Budo Clan del maestro Bacci capitanato in regione da Massimiliano Monaco, secondo classificato il team nazionale Tribe Jiu Jitsu del maestro Tisi rappresentato in Basilicata da Tommaso Tricarico, al terzo posto la Carlson Gracie team Italia.
Questa la sintesi a caldo pubblicata dall'organizzatore Massimiliano Monaco sulla sua pagina Facebook: "Come già scritto più volte, come spesso accade per le cose importanti, tutto inizia per caso, come per magia. Piano piano poi tutto rientra in una fantastica routine, tutto come sempre. Si arriva al palazzetto e per i neofiti del jiu jitsu brasiliano qualcosa non quadra.. Scansionano gli sguardi, le facce tese e pallide, le dita incerottate e quello strano modo di muoversi, ci mettono un po’ per capire che si tratta delle orecchie. Non è l'unica cosa che notano quando entrano nel mondo di questi ragazzi in cui il cameratismo è altissimo, in cui tutti si salutano, si sfidano e si rispettano ma dopo che l'hanno notato, è la prima cosa che vedono, per un po’ non vedono altro. Qui, le braccia degli uni si poggiano sulle spalle degli altri, dalle transenne, si sostengono i compagni di team impegnati nel combattimento, tutti gridano, si infervorano e si respira adrenalina. La senti. Si strattonano, si spingono e a tratti si odiano, poi si sorridono, si danno delle grosse pacche sulle spalle e si rispettano in questa variante sportiva di questa meravigliosa Arte Marziale.
Soddisfatto e orgoglioso di aver portato questa disciplina nella mia città.  Soddisfatto e onorato di aver promosso un evento, il BJJ Mediterraneo Cup nella mia regione, insieme a Tommaso Tricarico.
Soddisfatto e felice per il Primo Posto nella Classifica a Squadre, vinto dal Nostro Team, Budo Clan Maestro Dario Bacci.
A loro, all' Unione Italiana Jiu Jitsu, a tutto lo staff della Mediterraneo Cup e a quello dell'Accademia delle Arti Marziali e degli Sport da Combattimento, ai 389 Atleti provenienti da tutta Italia, a tutti Maestri e Tecnici che ci hanno sostenuto, agli Sponsor, al Comune di Potenza, all'assessore allo sport Valeria Errico, al Presidente del Coni Basilicata Leopoldo Desiderio e al numeroso pubblico, esprimo il mio più sentito ringraziamento”.