"Matera 2019, se qualcosa non sarà pronto ce ne faremo una ragione". Il ministro Lezzi di nuovo in città


«Se qualcosa non sarà pronto ce ne faremo una ragione»: lo ha detto oggi a Matera, parlando con i giornalisti, il ministro del Sud, Barbara Lezzi, dopo aver presieduto una riunione sullo stato dei lavori in vista del 2019, quando la città dei Sassi sarà capitale europea della cultura.
Ai cronisti che le chiedevano un «bilancio» degli ultimi mesi di preparazione, Lezzi ha risposto: «Meno male che sono venuta», parole che hanno ricordato i suoi giudizi degli scorsi mesi di parziale insoddisfazione sulla velocità con la quale procedevano alcuni lavori.
«Io credo - ha spiegato - che sarà una bella manifestazione per Matera, bella di suo». Commentando lo stato di alcuni cantieri, il ministro ha aggiunto: «come vi dicevo, l’agenzia del ministero che si occupa di alcuni appalti sta andando avanti. I lavori procedono e ci dobbiamo risentire a breve per ottimizzare il trasporto pubblico locale tra l’aeroporto di Bari e Matera. Per quanto riguarda il Comune - ha proseguito - le solite cose: piazza della Visitazione è ancora da decidere, in alto mare».
Riferendosi ai lavori stradali e, in particolare, al collegamento con Bari, Lezzi ha detto di aver esaminato la questione con l’Anas che, ha spiegato, «sta accompagnando finanziariamente un’impresa che aveva problemi di liquidità e che stava rallentando una parte dei lavori. Per febbraio la strada sarà quasi completa. Un’altra parte slitterà di qualche mese». Il ministro ha sottolineato che tornerà a Matera, in particolare per parlare dei servizi di trasporto in vista della trasmissione del capodanno su Raiuno.

Infine, rispondendo a una domanda sul voto delle elezioni regionali in Basilicata, fissate per il 26 maggio 2019, ha dichiarato:  «Mi auguro che le elezioni siano molto prima di maggio. Abbiamo una regione in ostaggio, sostanzialmente. E sono già diversi mesi. Bisogna andare alle elezioni». (ANSA)